POR FESR PADOVA

  • Header
  • La regione Veneto tramite il POR FESR 2014-2020 ha inteso valorizzare i settori della produzione del sistema manifatturiero e dell’artigianato di servizi veneti promuovendo interventi di sviluppo d’impresa ed emanando un bando per l’erogazione di contributi alle imprese.

    L’impresa individuale Semenzato Renzo, partecipando al bando Azione 3.1.1 “Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili, e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale” sub Azione A ”Settore Manifattura”, con decreto n.27 del 14 Febbraio 2017 del Direttore della Direzione Industria Artigianato Commercio e Servizi, è risultata beneficiaria di contributo pari ad Euro 36.675,00 a fronte di una spesa di Euro 81.500,00.

    La Semenzato Renzo, impresa impegnata nel settore della falegnameria, attiva sin dal 1980, è azienda dal discreto business e dall’attività fortemente consolidata.

    La gestione aziendale è sempre stata caratterizzata da una grande apertura nei confronti delle moderne tecnologie, al fine di fornire con continuità beni e servizi ottimi.

    L’azienda, in tale ottica, ha inteso affrontare l’ammodernamento delle attrezzature di produzione, per incrementare l’ efficienza del processo produttivo.

    In tal senso, l’accesso al contributo agevolerà nell’acquisto di un nuovo centro di finitura (macchina calibratrice e levigatrice) Viet Opera 5 prodotta e commercializzata dalla Biesse S.p.A. in sostituzione di un macchinario di finitura già esistente ed operativo ma obsoleto.

    L’investimento di buon calibro, è mirato ad aumentare l’efficienza del processo produttivo rendendolo quest’ultimo più snello, più economico, di maggiore qualità, automatico, veloce, affidabile e privo di errori.

    Da ciò non può che conseguire un miglioramento del prodotto offerto alla clientela sia in termini qualitativi che di tempi di attesa, consentendo altresì anche una riduzione dei prezzi applicabili.

    L’investimento comporterà un miglioramento globale per unità di prodotto in quanto la nuova tecnologia consentirà un abbassamento dei tempi di lavoro e, parimenti, del consumo elettrico a parità di risultato finale.

    In altri termini, risulteranno ottimizzati le lavorazioni su una macchina di recente fattura che va a sostituire una similare ma obsoleta e di più scarse performance.